Pagina iniziale

Contatti
   
Investimenti immobiliari in Brasile Investimenti immobiliari a Capo Verde

Acquisto di immobile in Brasile da persona fisica, i documenti necessari
 

Documenti  e certificazioni  per l’acquisto di un immobile in Brasile da una persona fisica:

1. Copia documento di identità  (RG, RNE o passaporto)

2.  Comprovante  del CPF (Cadastro Pessoa Fisica) scaricabile dal sito della Receita Federal (RFB) e questo link

3. Certidões negativas de débitos fiscais”  relative a municipio, stato e federazione scaricabili dai siti internet della Receita Federal (RFB), municipo e stato di dove si effettua l’atto di compravendita (queste certificazioni vengono prodotte in Brasile)

4. Se coniugato/a certificato di matrimonio con indicazione del regime dei beni e copia del passaporto, RG, RNE o passaporto del coniuge, non è obbligatoria la firma del coniuge per l’acquisto dell’immobile (vedi dettagli in basso)

5.   Se  l’acquirente è rappresentato da terza persona deve essere presentata una “ Procuração pública”

Qualunque cittadino può comprare immobili urbani in Brasile, inclusi gli stranieri, l’unica restrizione esistente per gli stranieri è nell’acquisizione di immobili rurali e terreni situati nella fascia costiera marina ad una distanza inferiore ai 100 metri lungo la costa marina del Brasile, questa restrizione non si applica nel caso di unità autonome in condominio, come l’acquisto di appartamenti o unità lottizzate. La legge brasiliana regola e limita l’acquista di immobili rurali per gli stranieri lasciando libera l’acquisizione di immobili urbani, evidenziando che l’acquisto di proprietà immobiliari non da il diritto allo straniero di ottenere la permanenza nel paese o altro tipo di visto. Il cartório ha la facoltà di richiedere documentazione aggiuntiva rispetto a quella sopra indicata. Il certificato di matrimonio, se italiano, dovrebbe   avere apostille e traduzione giurata in brasile, buona parte dei cartori comunque lo accetta anche senza legalizzazione e traduzione. Per l’effettuazione dell’atto pubblico di compravendita la parte acquirente dovrà pagare le imposte di trasferimento del bene immobile (ITBI), costi  della scrittura in cartório e costi del successivo registro al CRI (Cartórios de Registro de Imóveis), è importante effettuare il registro al CRI (Cartórios de Registro de Imóveis) dell’atto pubblico di compravendita nel più breve tempo possibile. I costi per l’esecuzione e registrazione dell’atto di acquisto variano in base a stati e municipi con un valore medio compreso tra il 6% e  8% del valore venale dell’immobile stabilito dalla locale “prefeitura”. 

Acquisto per procura (punto 5): è possibile acquistare in Brasile un immobile rappresentati da una terza persona (cittadino brasiliano o straniero), in tale caso il rappresentante (outorgato)  dovrà essere munito di una procura pubblica che gli conferisce il potere di acquistare immobili in Brasile (generica) o il potere specifico di comprare un determinato immobile a nome del rappresentato (outorgante). La procura deve essere pubblica e fatta presso un Cartório in Brasile, se fatta in Italia, per essere riconosciuta in Brasile deve essere stipulata presso un notaio italiano, avere apostille da apporre presso la procura della repubblica della circoscrizione del notaio che l'ha emessa, giunti in Brasile deve essere tradotta da un traduttore pubblico abilitato,  alcuni cartòrios richiedono anche la registrazione presso il “cartório de Registro de Títulos e Documentos”

Lo stato civile (punto 4): nella realtà nella fase di acquisto dell'immobile non sussistono particolari problemi in relazione alla dichiarazione dello stato civile del compratore, nella maggior parte dei casi é sufficiente una dichiarazione anche solo verbale, in altri casi i cartórios possono richiedere una certificazione, quindi consigliamo, nel caso di sposati, di recarsi in Brasile con almeno un certificato dello stato civile  con indicazione del regime dei beni, che in Italia si ottiene facilmente presso il comune di residenza, nel caso di divorziati o separati, va bene lo stesso  certificato con la relativa annotazione oppure copia della sentenza. Nella fase di vendita, nel caso l'immobile risulti comprato in comunione dei beni  é necessaria la firma del consorte o una procura specifica a vendere l'immobile, oppure bisogna  certificare il proprio stato civile  di divorziato, vedovo o separato. 

Osservazioni:  è compito del tecnico in transazioni immobiliari iscritto al CRECI l’analisi di tutta la documentazione, la consulenza e la redazione di un contratto  preliminare  che tuteli le parti, la consulenza ed il supporto tecnico, l’intermediazione immobiliare, con il cartório notariale e gli uffici di registro immobiliare (CRI) fino alla perfetta conclusione dell’atto giuridico, commette reato per la legge federale brasiliana chi esercita tali attività senza il regolare accreditamento al CRECI (Conselho Regional de Corretor de Imóveis).

 23 agosto 2018

 

Articoli correlati: Come acquistare un immobile in Brasile - Acquistare da stranieri un immobile finanziato in Brasile -  Le regole del mercato immobiliare in Brasile - Le risposte alle domande frequenti (F.A.Q.) - Il CPF (cadastro pessoa fisica)  - investire oggi nel nordest del Brasile - acquistare una attività commerciale in Brasile - la verifica di una proprietà immobiliare in Brasile

 

Torna alla pagina iniziale